Regolamento del Circolo

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA’ CULTURALI, SPORTIVE E RICREATIVE DEL CIRCOLO RICREATIVO DELL’UNIVERSITA’ POLITECNICA DELLE MARCHE

 
Art. 1 Principi Generali

Il CRUA, nei limiti posti dallo Statuto, promuove e coordina le proprie attività attraverso l’utilizzo di risorse finanziarie che gli provengono da:

  • quote e contributi degli associati;
  • somme finalizzate alla realizzazione degli scopi indicati nello statuto, stanziate dall’Università Politecnica delle Marche;
  • erogazioni liberali degli associati e di terzi;
  • eredità, donazioni e legati
  • contributi dello Stato, delle regioni, di Enti locali, di enti o istituzioni pubblici;
  • contributi dell’Unione Europea e di organismi internazionali;
  • entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
  • proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
  • entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi;
  • altre entrate compatibili con le finalità sociali dell’associazionismo di promozione sociale.

L’utilizzo di tali risorse è autorizzato dal Consiglio Direttivo sulla base del programma delle attività annuali proposte ed approvate dal Consiglio medesimo.

 
Art. 2 Sostenitore esterno

2.1 - I privati che, a titolo di pura liberalità, contribuiscono annualmente con una quota almeno pari a quella prevista per i soci sostenitori, dietro presentazione di apposita domanda, approvata dal Consiglio Direttivo, assumono la qualifica di sostenitori esterni.

Gli stessi possono partecipare all’attività del Circolo.

2.2 – Gli studenti dell’Università Politecnica delle Marche che manifestano la volontà di partecipare alle iniziative del CRUA, mediante apposita domanda da inoltrare al Presidente del Circolo ed approvata dal Consiglio Direttivo, assumono la qualifica di sostenitori esterni.

A titolo di pura liberalità, contribuiscono annualmente con una quota che sarà fissata dal Consiglio Direttivo del Circolo.

 

Art. 3 Attività promosse dal CRUA 

3.1 - Le iniziative si individuano in giornaliere, settimanali o frazione inferiore o superiore di quest’ultima.

In occasione delle iniziative tutto il flusso finanziario, relativo ad ogni singola manifestazione, come ad esempio le quote di iscrizione, deve essere versato nelle casse del Circolo, tramite il Tesoriere del CRUA, che provvederà all’incasso e successivamente, al pagamento degli oneri previsti per la realizzazione della manifestazione.
Il Consiglio Direttivo, in occasione di ogni manifestazione, può, verificata la disponibilità finanziaria, deliberare un contributo economico per la riuscita della manifestazione medesima.

3.2 - Il Consiglio Direttivo, al fine di verificare la correttezza delle proposte che dovessero pervenire da località interessate, in riferimento all’organizzazione di attività sportive, culturali e ricreative e relativamente alla logistica e all’efficienza   degli impianti, può incaricare il responsabile dell’attività a recarsi presso le località in questione.

Al responsabile dell’attività è riconosciuto il rimborso spese come di seguito indicato:

a) 0,15 €/Km per viaggio con autoveicolo o rimborso del costo del biglietto del treno;

b) il costo del pedaggio autostradale.

La sistemazione alberghiera con i relativi pasti, dovrà essere a carico della struttura ospitante.

Ogni responsabile di attività dovrà produrre, al ritorno dalle visite alle località in questione, tutta la documentazione attestante le spese sostenute. Non si provvederà ad alcun rimborso in assenza di quanto richiesto.

3.3 - Le quote di partecipazione alle manifestazioni, di norma, sono così stabilite:

3.4 - Le iscrizioni alle manifestazioni che usufruiscono del contributo dell’Amministrazione universitaria, seguiranno le seguenti modalità ed il seguente criterio di precedenza:

a) ogni iniziativa dovrà contenere i termini entro il quali saranno accettate le iscrizioni;

b) le richieste di partecipazione avanzate entro il termine di cui al precedente punto a) saranno accolte secondo il  seguente ordine di priorità;

c) i non soci non potranno usufruire del contributo dell’Amministrazione Universitaria.

 
Art. 4 Attività Nazionale

Alle manifestazioni nazionali promosse dall’A.N.C.I.U. e/o dai Circoli Ricreativi delle Università Italiane potranno partecipare le seguenti figure di personale, così come previste nel Regolamento nazionale dell’A.N.C.I.U.:

Personale docente in servizio

  • Professori I e II Fascia;
  • Ricercatori universitari (confermati,  non confermati e a tempo determinato);
  • Assistenti;
  • Professori con incaricati di affidamento ed a contratto relativamente alla loro permanenza in servizio.
  • Personale tecnico-amministrativo e di biblioteca in servizio con contratto sottoscritto con l’Amministrazione Universitaria, intesa come struttura centrale o strutture decentrate:
  • Personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato: pieno e/o part-time;
  • Personale con rapporto di lavoro a tempo determinato: pieno e/o part-time, relativamente alla loro permanenza in servizio;
  • Personale con rapporto di lavoro atipico: collaborazioni coordinate e continuative (Co.Co.Co.), contratti a progetto, contratti di formazione lavoro, relativamente alla loro permanenza in servizio;
  • Collaboratori ed esperti linguistici (CEL)
  • personale docente, ricercatore, tecnico-amministrativo e di biblioteca in quiescenza.
  • Altro personale:
  • Dottorandi di Ricerca;
  • Titolari di Assegno di Ricerca;
  • Titolari di Borsa post lauream e specializzandi di medicina.

In occasione di manifestazioni Sportive Nazionali di cui al comma precedente, il CRUA garantisce il pagamento delle quote di iscrizione (quota Ateneo e quota atleta). Provvederà, altresì, per ogni singolo atleta, al rimborso delle spese secondo i seguenti criteri:

  • 70% del costo del soggiorno dei giorni effettivi di gara e dei giorni necessari per il raggiungimento delle località e per il relativo ritorno;
  • 0,15 €/km per il viaggio con autoveicolo;
  • 50% del costo del pedaggio autostradale, del biglietto del traghetto e/o nave e del biglietto del treno.
  • Agli atleti che dovessero scegliere mezzi di trasporto diversi da quelli sopra indicati (es. aereo) sarà rimborsato il  costo calcolato sul viaggio in automezzo (€/km. 0,15). L’utilizzo di tale mezzo di trasporto è considerato eccezionale  e come tale deve essere espressamente giustificato, salvo che non rappresenti l’unico mezzo o quello economicamente più favorevole.
  • Il Consiglio Direttivo potrà valutare l’opportunità dell’utilizzo di mezzi di trasporto a noleggio, qualora tale soluzione  risulti economicamente vantaggiosa.
  • Ogni atleta dovrà produrre, al ritorno dalle manifestazioni, tutta la documentazione attestante le spese sostenute. Non si provvederà ad alcun rimborso in assenza di quanto richiesto.
  • Per particolari caratteristiche delle manifestazioni e per risultati particolarmente rilevanti, ai sensi dell’art. 3, punto 3.1, ultimo comma, il Consiglio Direttivo, verificata la disponibilità finanziaria, può deliberare un ulteriore contributo  economico.

 

Art. 5 Gratuità

Al fine di consentire l’organizzazione tecnica delle manifestazioni indette sia dal CRUA che dall’ANCIU, è consentita assegnare al responsabile della manifestazione medesima una gratuità.

Ulteriori gratuità scaturenti dal numero di partecipanti alle manifestazioni saranno versate nella cassa del CRUA.

Il Consiglio Direttivo valuterà, di volta in volta, l’utilizzo delle somme derivanti dalle gratuità.

 

Art. 6 Sponsorizzazioni

Le somme che il CRUA incassa  a seguito di sponsorizzazioni saranno ripartite secondo il seguente criterio:

  • Il 70% della somma incassata andrà a favore dell’attività per la quale si è avuto il contributo;
  • Il 30% della somma incassata andrà a favore del fondo del CRUA.

  
Art. 7 Assemblee Nazionali dell’ANCIU

Qualora nelle convocazioni delle predette assemblee risultasse espressamente richiesta la presenza di responsabili dei vari settori di attività, il CRUA farà partecipare un responsabile per ogni settore.

Ai delegati alle assemblee sarà riconosciuto il rimborso delle spese sostenute come di seguito elencato:

  • Il costo del soggiorno;
  • 0,15 €/Km per viaggio con autoveicolo o rimborso del costo del biglietto del treno;
  • il costo del pedaggio autostradale. Il costo del biglietto aereo nel caso in cui tale mezzo di trasporto rappresenti l’unico o quello economicamente più favorevole.

Alle assemblee nazionali indette dall’ANCIU il CRUA, di norma, invierà due rappresentanti, uno dei quali dovrà essere il Presidente  o  suo delegato.

L’utilizzo dell’aereo è considerato eccezionale e, come tale, deve essere espressamente giustificato.

Ogni delegato dovrà produrre, al ritorno dalle assemblee, tutta la documentazione attestante le spese sostenute. Non si provvederà ad alcun rimborso in assenza di quanto richiesto.

 

Art. 8 Coro Polifonico

Il Coro Polifonico del CRUA, considerata la particolare e peculiare attività che esso svolge e la rilevanza culturale e di immagine esterna, può essere composto da dipendenti e studenti dell’Università Politecnica delle Marche e da altre persone esterne all’Università stessa.

Quest’ultime devono, preventivamente ed espressamente, dichiarare di aderire al predetto Coro ed al Circolo, assumendo la qualifica di sostenitori esterni e, come tali, devono ottemperare a quanto previsto dal precedente articolo 2, punto 2.1.

Gli studenti dell’Università Politecnica delle Marche assumono la qualifica di sostenitori esterni e, come tali, devono ottemperare a quanto previsto dal precedente articolo 2, punto 2.2.

In deroga al precedente art. 3, punto 3.1, il Coro tiene apposita contabilità relativa allo svolgimento della propria attività.

Tale contabilità deve essere trasmessa entro il 31 gennaio di ogni anno alla Presidenza del CRUA, per costituirne parte integrante e sostanziale del bilancio consuntivo delle attività svolte dal Circolo nell’anno precedente.

Il Consiglio Direttivo, ai sensi del precedente art. 3, punto 3.1, ultimo comma, al fine di favorire la partecipazione del Coro a manifestazioni di particolare rilevanza, può deliberare un contributo economico la cui entità sarà di volta in volta stabilita.

I contributi di cui al comma precedente potranno essere attinti anche dai fondi stanziati dall’Università di Ancona a favore delle attività promosse dal CRUA.
Alle attività del Coro non si applica quanto stabilito dai precedenti articoli 3, punto 3.3, e 4 punti “a”, “b” e “c”. dal presente regolamento. Inoltre non viene applicato al Coro quanto stabilito dal precedente art. 6 “Sponsorizzazioni”.


Art. 9 Disposizioni finali

Il presente Regolamento sostituisce il regolamento approvato dall’assemblea ordinaria dei soci in data 17 ottobre 2001 ed è immediatamente esecutivo.

 
Ancona, 17 maggio 2006

 

Università Politecnica delle Marche
P.zza Roma 22, 60121 Ancona -  (+39) 071.220.1, (+39) 071.220.2324 - P.I. 00382520427
Progettato e realizzato a cura del CSI 
con Drupal